giovedì 7 agosto 2014

Sto Leggendo MAI CI ERAVAMO ANNOIATI di Renata Adler

Sognando di tornare presto a NewYork, leggo il romanzo della scrittrice europea con la maggior dose di fascino newyorker


  • Quando Mai ci eravamo annoiati balzò sulla scena editoriale        americana alla fine degli anni Settanta, a nessun lettore era mai capitato di leggere niente di simile.
    Un libro che faceva saltare tutte le regole e imponeva con leggerezza un'irresistibile carica di novità e anticonformismo, una boccata d'aria fresca nei locali chiusi di una festa mondana dove gli elegantissimi ospiti hanno iniziato da un po' ad annoiarsi.
    Soprattutto è la voce a incantare, la voce della giovane Jen Fain, una ragazzina di provincia appena sbarcata a New York e decisa a conquistarsi il suo posto sul palcoscenico più desiderabile dell'epoca, sotto le mille luci di una città che non è mai stata così scintillante.
    Ci sono le feste nei loft di Brooklyn dove si incontrano galleristi, intellettuali francesi, editori spregiudicati, l'intero bel mondo della cultura. E poi le esercitazioni di volo con biplano, i molti amori fugaci e turbolenti, i viaggi, le lunghe serate nelle redazioni dei giornali, e una certa nostalgia per le notti in collegio con le amiche quando il mondo era più piccolo.


  • Renata Adler, autrice icona della cultura newyorkese degli ultimi cinquant'anni, ci stuzzica riuscendo a essere allo stesso tempo amorevole e sfuggente. E ci racconta, in questo romanzo-non-romanzo, il nostro tempo frammentario, le nostre molteplici identità, le idee, le esperienze e le emozioni della contemporaneità - feroce, amara e in tutto e per tutto splendida.

MAI CI ERAVAMO ANNOIATI, Renata Adler, Mondadori


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.